Disturbo bipolare ed emicrania: esistono connessioni?

ragazzo con emicraniaLa scienza medica ha dimostrato che, da un punto di vista statistico, le persone interessate da disturbo bipolare hanno maggiori probabilità di soffrire di emicranie rispetto alle persone sane. Anche se le ragioni di questa correlazione non sono ancora ben chiare, chi soffre di queste patologie può imparare a gestirle entrambe utilizzando approcci comuni.

Le caratteristiche del disturbo bipolare

Questa diagnosi psichiatrica riguarda le persone che soffrono di squilibri nell’umore, e che sono in grado di passare rapidamente da uno stato di eccitazione ad uno di depressione, e viceversa. Gli individui che soffrono di disturbo bipolare spesso vivono anche stati d’animo nei quali la depressione e l’euforia convivono l’una accanto all’altra. Esistono due tipologie di disturbo bipolare: quello di I° tipo è spesso detto anche ‘maniaco-depressivo’, e riguarda le persone che hanno sperimentato cambiamenti d’umore molto ravvicinati, intensi e prolungati nel tempo. Nel disturbo del II° tipo solitamente l’euforia è più contenuta e, piuttosto, gli individui tendono a riconoscere e lamentarsi della depressione.

Le correlazioni tra emicrania e disturbo bipolare

Secondo le statistiche mediche, tra il 25 e il 40% delle persone che soffrono di disturbi bipolari dichiarano di essere colpiti più o meno frequentemente anche da attacchi di emicrania. I medici ritengono che questi disturbi non siano legati tra loro da rapporti di causa-effetto, ma al contrario procedono parallelamente l’uno con l’altro. Le cause sarebbero da ricercare nella complessa biochimica del cervello umano, e in particolare in una alternazione della stessa che apre la porta ad entrambe le patologie.

Come convivere con entrambi i disturbi

Sia il disturbo bipolare che l’emicrania possono essere adeguatamente gestiti adottando una terapia farmacologica specifica, che in qualche caso serve a trattare entrambe le patologie. La scelta delle terapie più opportune varia da persona a persona, e deve essere indirizzata dal proprio medico curante che sulla base di altre condizioni valuterà i farmaci più idonei. Ad esempio, se il paziente soffre di pressione alta, i farmaci contro l’ipertensione possono aiutare a prevenire le emicranie. Inoltre sono molte le persone che traggono beneficio da approcci alterativi ai farmaci come ad esempio la psicoterapia, l’esercizio fisico, uno stile di vita sano e la rinuncia agli alcolici.

immagine: detailblick – FotoliaSimilar Posts:

Tags: , ,